«Che Box!», la box sostenibile della startup «Che Vino!»

«Che Vino!» La start up nata per raccontare la cultura del vino e la conoscenza dei territori promuove la “social responsibility”. Un abbonamento mensile con proposte degustative a sorpresa valorizza anche un prodotto di un’azienda italiana impegnata nel sociale

Un progetto di e-commerce che, a partire dalla vendita on line di vini unici e selezionati, promuove le aziende italiane impegnate in progetto di solidarietà. Parliamo di «Che Box!», uno dei servizi offerti da «Che Vino!»: start up dedicata a cantine italiane particolari ed esclusive, fondata da Giuseppe Trisciuoglio, appassionato ed esperto di beverage, dalla sua compagna Federica Piersimoni, tra le più famose travel blogger d’Italia, e da Elio Maria Piersimoni, con competenze e importanti esperienze nel food. 

«Che Box!», quando la sostenibilità fa bene - Oltre alla vendita di bottiglie particolari (per esempio vini naturali o biodinamici, o prodotti solo con tecniche ecosostenibili, o realizzati da vignaioli artigianali…), «Che Vino!» propone un innovativo servizio.

«Che Box!» è un abbonamento: ogni 15 del mese vengono spedite agli abbonati, a sorpresa, 3 bottiglie di un unico produttore selezionato e una scheda che racconta la storia della cantina e dei suoi vini. Questo servizio va oltre. E unisce la qualità del vino Made in Italy con la social responsibilityperché ogni box presenta anche un prodotto diun’azienda italiana impegnata nel sociale. Sono stati spediti di recente, per esempio, il calendario realizzato da Care&Share Italia, impegnata da oltre 25 anni in India a sostegno dell’infanzia o il cioccolato Compañera, coltivato nelle piccole piantagioni di cacao biologico nella zona orientale della Sierra Leone, fortemente colpita dalla Guerra Civile e dall’epidemia di Ebola. Nei prossimi mesi verrà inviata una borsa realizzata con tessuti eco della Tanzania e una confezione di pasta realizzata con farine di grani antichi macinati da un vecchio mulino.

La sfida di «Che Box!» è coltivare l'economia circolare del bene. La mia idea, e il mio sogno, è che possa partire una catena di buone azioni che possa spingere chi ricevere a compiere un’altra azione solidale” afferma Federica.

Vini e storie uniche. La vendita online di vini selezionati è il core del nuovo servizio. L’idea, però, va oltre il delivery, valorizzando storie uniche e straordinarie. Di aziende e di cantine italiane.

Su «Che Vino!» non sarà possibile trovare tutti i produttori d’Italia, ma solo una selezione di vini «unici». Il progetto risponde alle esigenze dei produttori, confrontando il meglio delle piccole e medie aziende vinicole locali, e punta non solo a fornire una vetrina alle cantine ma soprattutto a far crescere tra i consumatori la cultura del vino e la conoscenza dei territori.

Il target non sono solo le persone appassionate di vino e food, ma anche chi non è un esperto e vuole farsi guidare alla scoperta di un mondo di profumi, sapori e storia.

Packaging eco-compatibile – Il packaging di tutte le confezioni è 100% sostenibile e ogni bottiglia viene spedita con un sistema brevettato, NakPack, in cartone riciclabile. “Sappiamo che quando si riceve un pacco, questo dura il tempo di essere scartato. Ci teniamo che il nostro packaging sia sostenibile in tutto e che possa essere riciclato tra carta e cartone, plastica o vetro. Questo ovviamente non deve andare a discapito della sicurezza delle spedizioni che sono gestite affinché il vino venga preservato in ogni trasporto e assicurato in ogni suo viaggio”. 

La selezione vinicola unica, la sensibilità per il territorio, privilegiando anche aziende piccole con caratteristiche specifiche, l’attenzione alla sostenibilità nel packaging e all’economia circolare del bene sono i valori che «Che Vino!», con i suoi servizi, vuole raccontare.

A questo link potete scaricare le immagini e il comunicato in doc e pdf. https://drive.google.com/drive/folders/11xVw5uy3YPA5P-CtYq4ydrk5J8wLnq4m?usp=sharing

«Che Vino!» è uno shop online di vini selezionati tra cantine uniche e speciali. Il progetto è nato nel 2020 da un’idea di Giuseppe Trisciuoglio, IT Manager, Responsabile IT e appassionato ed esperto di vini, Federica Piersimoni, «la pioniera del Travel Blogging in Italia» secondo Lonely Planet, consulente e formatrice sui temi del blogging, influencer marketing e social network per piccole e medie imprese, e Elio Maria Piersimoni con una lunga militanza nella GDO, Res.le BBS gruppo Conad, Dir. Vendite Corial gruppo Sigma, Consigliere Delegato Dea Market Spa e National Manager GDO Baldi.

La vendita online di vini selezionati è il core di «Che Vino!». Il progetto va oltre il delivery rispondendo alle esigenze dei produttori e punta non solo a fornire una vetrina alle cantine italiane, ma soprattutto a far crescere tra i consumatori la cultura del vino e la conoscenza dei territori, valorizzando luoghi unici e straordinari.  Su «Che Vino!» non sarà possibile trovare tutti i produttori d’Italia, ma solo una selezione di vini «unici». L’azienda investe costantemente nella ricerca di vini «esclusivi» che seleziona e mette in vendita sull’e-commerce. Il consumatore potrà scoprire prodotti e cantine che altrimenti farebbe fatica a conoscere. Il target non sono solo le persone appassionate di vino e food, ma anche chi non è un esperto e vuole farsi guidare alla scoperta di un mondo di profumi, sapori e storia.

L'ufficio stampa viene gestito insieme alla collega, referente di progetto, Greta La Rocca, giornalista addetto stampa.

CheBox-acasa - Eleonora Tosco comunicazione
servizio fotografico Che Vino - Eleonora Tosco comunicazione
Che Vino – Box sostenibile 1 - Eleonora Tosco comunicazione
«Che Box!», la box sostenibile della startup «Che Vino!» - Eleonora Tosco comunicazione
Eleonora Tosco © 2021 P.iva 07653960968 cookie policy Sito web by: Davide Inzaghi